Il parkour

0
2071
parkour

« Per capire cosa è il Parkour si deve pensare alla differenza che c’è tra quello che è utile e quello che non è utile in eventuali situazioni di emergenza. Solo allora potrai capire ciò che è Parkour e ciò che non lo è » cit. David Belle , introduciamo cosi  una chicca per le donne più spericolate, cos’è il parkour? dove è nato? chiunque può farlo?

Il parkour si ispira al metodo naturale di Georges Hèbert, ufficiale della marina francese, che nei primi anni del novecento creò un particolare metodo di allenamento per l’addestramento delle truppe, definito Hèbertismo il cui motto è “Essere forti per essere utili”.
Il principio del metodo hérbertiano è che il miglior modo per allenare un uomo è farlo esercitare nei movimenti naturali che sa fare, in situazioni che la natura gli presenta.

Il parkour non è solamente uno sport ma può definirsi una vera è propria disciplina in quanto segue una filosofia di vita: “il costante allenamento ti porterà a superare ostacoli che prima non avresti mai immaginato di superare e a spingerti a livelli che non avresti mai pensato di raggiungere e solo cadendo imparerai a rialzarti! Questo vale sia per gli ostacoli fisici che per quelli ideologici ovvero i problemi della vita che quotidianamente siamo costretti ad affrontare” ecco la filosofia di un “traceur- tracciatore”(nome di colui che esegue questa disciplina).

Il parkour come disciplina vera e propria nasce in francia intorno agli anni 90 i primi a praticarla sono stati “david belle”(detto anche il fondatore di questa disciplina)  gli “yamakasi” e “Sebastien Foucan”.

Sono stati fatti molti film ispirati ad essa e, da che inizialmente quasi nessuno si cimentava nell’arte del movimento, oggi sono sempre di più i ragazzi e le ragazze che praticano questa disciplina in tutto il mondo a tutte le età.

La risposta è si, anche le donne possono farlo senza alcun problema!

Ora vi mostrerò qualche  video meraviglioso di alcuni dei miei artisti preferiti in materia, buona visione!

ed infine per incoraggiare le donne scettiche al riguardo ecco:

Piaciuti?

Il bello di questa disciplina è che si è stilizzata in ogni parte del mondo in cui si è diffusa, di fatto gli spagnoli hanno uno stile i russi un altro i francesi un altro ancora e via dicendo poi ovviamente c’è sempre chi si ispira a chi quindi è un discorso generico.

Perchè si pratica il parkour?

Beh mi sembra semplice per sentirsi liberi no!?!

Ecco un mio pensiero personale al riguardo:

L’uomo nel corso della storia ha sempre cercato di costruirsi dei percorsi prestabiliti per facilitare lo spostamento da un luogo a un’altro e anche oggi siamo praticamente costretti a fare percorsi e strade imposti da noi stessi reprimendo quindi la nostra indole animalesca perchè non è da dimenticare l’uomo è pur sempre un animale!

Per fare questo discorso basta pensare ad un qualsiasi animale all’interno di un ambiente selvaggio. Una tigre per cacciare si arrampica su un albero con estrema facilità, una scimmia per procurarsi del cibo salta da ramo a ramo con una facilità pari a quella che è camminare per noi.

Questi sono movimenti che eseguono sin da piccoli, per necessità, poiché loro non hanno strade prestabilite quindi automaticamente a lungo andare li eseguiranno con estrema semplicità. La stessa cosa vale per l’uomo che, con l’uso dell’ intelligenza, ha perso molte qualità fisiche  ma questo non vuol dire che non possa riacquistarle con l’allenamento, piano piano, passo per passo, procedendo a piccoli movimenti, da quelli più semplici fino ad arrivare ad eseguire i più complessi.

Chiunque pratichi questa disciplina si renderà conto di quanto sono naturali i movimenti che si fanno per spostarsi da un punto “A” ad un punto “B” (saltare, scalare, arrampicarsi, ecc..). Ovviamente, come tutti gli sport e tutte le discipline, comporta dei rischi. Si cade, ci si fa male ma, se si procede a piccoli passi nell’allenamento, con l’aiuto di una persona già esperta, sono davvero pochi i rischi che si corrono. L’importante è fare tutto con un criterio, imparando a conoscere i propri limiti per poi superarli piano piano, poco alla volta, senza spingersi al di là di quelle che sono le proprie capacità.

Quindi, riassumendo: per le donne che hanno sempre voluto farlo e che si sono chieste se fosse mai possibile farlo la risposta è si! Con un allenamento a piccoli passi e con una persona esperta accanto, imparare è semplice.  Il Parkour è una disciplina dove si muovono e si affaticano tutte le parti del corpo quindi, se volete un fisico asciutto e tonico, è proprio quello che fa per voi.

Articoli correlati:

Rimettiamoci in forma - Di Fujiko
Buongiorno a tutte, quante volte ci siamo ritrovate ad osservarci allo specchio e a non riuscire a fare a meno di fissare la nostra attenzione su quegli ineste...
Andiamo a correre - di Fujiko
Eccoci all’inizio del nostro percorso… Ci siamo dette che abbiamo voglia di sudare, di faticare, di essere più belle e di darci da fare per questo...
Mantenersi in forma a 50 anni
Mantenersi in forma a 50 anni: prima avere 50 anni significava raggiungere la vecchiaia oggi significa raggiungere un traguardo di maturazione.
Fitness da ufficio
Fitness da Ufficio Molto spesso, la sedentarietà dovuta al lavoro da ufficio, può portare ad alcuni sintomi un po problematici esempio: mal di schiena, mal di ...
Abbigliamento per il fitness
Qual'è l'abbigliamento adatto per svolgere attività fisiche? I nostri consigli d'abbigliamento per il fitness.
Zumba fitness
  COS'E'LO ZUMBA FITNESS? Se la domanda che vi ponete più spesso, è "come fare a perdere calorie?" abbiamo per voi una divertententissima soluzione....
Lo jogging
Lo jogging è un tipo di corsa leggera, che viene praticata solitamente con una velocità inferiore ai 10 chilometri orari, rientra nelle attività aerobiche, nell...
Cicloturismo in Romagna e la Nove Colli
Italia paese di sport e turismo. Romagna terra di sport, cibo e star bene insieme. La Nove colli riassume tutto questo, per gli amanti del cicloturismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here